Il confino fascista. L’arma silenziosa del regime

20,00


>>>>>GENERALMENTE DISPONIBILE IN 8/9 GIORNI LAVORATIVI<<<<<

COD: 9788842097259 Categoria: Tag: ,

Description

L’uso del confino segnò un passaggio importante nell’instaurazione della dittatura fascista e nella progressiva distruzione dello Stato di diritto: con il suo utilizzo vennero meno i diritti degli oppositori politici e fu degradata la loro dignità personale e quella dei loro familiari. Divenuto strumento centrale, sebbene non unico, della repressione politica, il confino risultò un provvedimento molto duro a causa delle difficili condizioni di vita cui furono sottoposti i confinati. Questi si trovavano quasi improvvisamente a essere soggetti senza garanzie poiché, secondo l’ottica fascista, si erano dimostrati cittadini non degni di quello Stato la cui sicurezza e il cui ordine erano stati da loro stessi messi in pericolo e minacciati. Per la sua procedura, più veloce e agile rispetto a quella di un processo penale ordinario, questa misura fu facilmente applicabile: per essere assegnati al confino era sufficiente un mero sospetto di pericolosità. Fondandosi sul giudizio e sull’arbitrarietà, pertanto, il confino poteva colpire tutti i potenziali oppositori, reali o presunti che fossero.

Dettagli

Anno

Pagine

X-203

Rilegatura

Brossura con copertina morbida

Lingua

Italiano

Author

POESIO CAMILLA

Editore

LATERZA