Intervista sul teatro

9,50


>>>>>ATTENZIONE: QUESTO LIBRO È DISPONIBILE IN 5/6 GIORNI DALLA DATA DELL'ORDINE<<<<<

COD: 9788838917301 Categoria: Tag: ,

Description

«I numeri, le geometrie. In quegli anni ho anche cominciato ad assegnare a certe cifre un valore, per me, emblematico; per cui ad esempio il numero 5 non è soltanto un’entità, un simbolo matematicamente diverso dal numero 8 o dal numero 9, ma ha addirittura un altro carattere. Per me ancora adesso, e temo, ormai, fino alla morte, i numeri pari e i numeri dispari sono proprio razze diverse. Hanno caratteri e psicologie profondamente diversi, e inducono anche a diverse superstizioni. Sono considerazioni che possono influire sulla posizione da scegliere in scena, sulla preferenza per il lato destro o sinistro del palcoscenico. Di questo passo capisci come si possa arrivare ad attribuire un valore spirituale a una linea retta o a una diagonale, agli elementi della punteggiatura e così via…». Questa intervista di vent’anni fa sul teatro, inizia nel tempo lontano dell’Accademia d’Arte Drammatica che consegnò a Gassman quella specie di animismo, guida perenne al suo modo d’essere tutto attore. Ne percorre le tappe più memorabili e vere: i mostri sacri del passato, incontri, aneddoti, prove significative, delusioni e grandi successi. E poi i vari ruoli del teatro, i tipi di rappresentazione, i segreti dell’arte. Ma anche, discretamente sotteso a tutto il raccontare, il modo in cui «un mestiere che non lascia traccia», perché fluisce e dura solo nel mistero del presente, piega un’esistenza, la approssima all’arcano della maschera. E le dona un’invincibile malinconia.

Dettagli

Anno

Pagine

172

Rilegatura

Brossura con copertina morbida

Lingua

Italiano

Note

A cura di Luciano Lucignani

Author

GASSMAN VITTORIO

Editore

SELLERIO